Illuminazione

Benvenuti all’ultimo numero di The Window Seat. Questo mese, ci auspichiamo “illuminazione” e consapevolezza per accogliere ciò che c’è di nuovo e di inaspettato.

Le Azzorre sono un arcipelago nell’Oceano Atlantico, parte del Portogallo. Credit: Damir Babacic/Unsplash

Avventure autunnali: le migliori isole europee da visitare in autunno

Sul finire dell’estate, ecco le isole europee che vale la pena scoprire in ottobre

Con il sole sempre presente, le brezze miti e uno stile di vita rilassato, è facile capire perché le isole sono alcune delle destinazioni più popolari in Europa, soprattutto durante l’estate. Ma le stesse cose che le rendono così allettanti, ne fanno anche mete troppo popolari. Chi non ha mai fatto una lunga fila all’unico ristorante della città o chi non ha mai lottato per l’ultimo posto in spiaggia?

Se dunque puoi aspettare l’autunno per visitare le isole europee, le troverai molto più attraenti. Il mare potrebbe essere un po’ più freddo, ma ottobre è un ottimo mese per rilassarsi al sole, lontano dalla folle frenetiche.

Azzorre, Portogallo 

Come ultime vestigia di terra europea fino alle Americhe, le Azzorre sono un lussureggiante arcipelago di isole con una flora verdeggiante tutto l’anno. Il paesaggio, composto da formazioni rocciose, laghi profondi e immense distese di verde, è così scenografico che gli è stato persino assegnato il titolo di “paesaggio più bello d’Europa”. Tuttavia, questo non è un posto per prendere il sole sulla spiaggia. Il clima mite di questo arcipelago portoghese – le temperature in ottobre oscillano tra i 15°C e i 21°C – lo rende una destinazione ideale più per gli amanti dell’aria aperta.

Per sperimentare in prima persona l’impressionante topografia vulcanica, scegli uno (o più) dei 70 sentieri tracciati. Il percorso Pico das Camarinhas-Ponta, da Ferraria a San Miguel, è un’escursione relativamente facile che inizia sulla costa, dove potrai vedere i resti dell’isola vulcanica Ilha Sabrina. Si snoda attraverso scorie basaltiche, profondi crateri scoscesi e cupole montuose di lava indurita. 

Cipro

Una delle più grandi isole del Mediterraneo, Cipro ha una storia complicata alle spalle. Dopo aver ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito nel 1960, l’isola è stata gettata nello scompiglio quando la Turchia l’ha invasa nel 1974. Le tensioni sono state percepibili per molti anni e, anche se le questioni non sono completamente risolte –l’isola è oggi divisa in due, il nord è turco e il sud greco– prevale comunque la pace e l’armonia.

Durante i mesi estivi, le temperature possono raggiungere più di 38°C, il che può rendere faticosa l’esplorazione dei tanti siti storici e culturali. Con un clima più fresco e meno persone, l’autunno è invece un periodo fantastico per visitare e conoscere il passato di Cipro. 


Per scoprire la storia recente dell’isola in tempo reale, visita Nicosia, considerata “l’ultima capitale divisa in Europa”. Il Museo della Lotta Nazionale della città denota l’arduo viaggio che Cipro ha compiuto per liberarsi dal dominio britannico e contiene documenti, fotografie e altri cimeli dell’epoca.

Isole Faroe, Danimarca

Nell’Atlantico del Nord si trovano le Isole Faroe. Tecnicamente sotto la sovranità danese, questa catena di 18 isole è invece autonoma dal 1948. A centinaia di chilometri dalla vicina Scozia e Islanda, queste aspre isole vulcaniche sono perfette per coloro che cercano una pausa dalla loro vita frenetica.

Le Faroe offrono anche una tradizione culinaria unica, che include carni fermentate, pesce fresco e verdure di radice. La robusta cucina ha ispirato molti, tra cui Poul Andrias Zisca, il capo chef del KOKS, il più remoto ristorante stellato Michelin del mondo. 
Zisca usa tecniche antiche come la salatura e l’essiccazione per preparare i suoi piatti. Ogni piatto è studiato con cura, dal Jákupsskeljar –una capasanta cruda servita nel suo guscio– al Skerpikøt, scaglie di agnello essiccate all’aria. La posizione è altrettanto affascinante: i clienti possono gustare il loro pasto in una tradizionale capanna di legno accanto alle calme acque del lago Leynar.

Isole Canarie, Spagna

Le Isole Canarie si trovano al largo della costa del Marocco e sono composte da otto isole. Le cinque più grandi – Tenerife, Fuerteventura, Gran Canaria, Lanzarote e La Palma – sono affollatein estate dagli amanti del sole. In ottobre, le temperature vanno dai 15°C ai 27°C, il che le rende una buona opzione per una dose di vitamina D.

Arona è una regione meridionale dove si trovano le migliori spiagge di Tenerife. El Camisón è una piccola baia vicino alla più grande località di Playa de las Américas. La spiaggia di sabbia è circondata da palme torreggianti, che forniscono molta ombra. 

Il mare è calmo, cosa che rende il luogo invitante anche per i nuotatori, che possono nuotare senza la paura delle grandi onde. Qui troverai anche il People Bar, un luogo affascinante dove potrai ordinare una classica sangría (anche con champagne, se vuoi).

Sicilia, Italia 

Microcosmo di tutto ciò che rende l’Italia così amata, la Sicilia è spesso considerata il gioiello del Paese. Ad attenderti, villaggi pittoreschi che profumano di agrumi, paesaggi da lasciare a bocca aperta, e una miriade di ristoranti dove potrai felicemente espandere il tuo girovita. Ma quando un posto è così bello, significa che può essere affollato, molto affollato. 


In autunno, puoi goderti invece il tutto senza dover lottare per lo spazio con gli altri. Palermo ti inviterà a esplorare la sua varia e magnifica architettura barocca. Tuttavia, la vera attrazione autunnale si trova nel sud dell’isola.

Viaggia attraverso il paesaggio montuoso fino allo storico comune di Zafferana Etnea, che si trova all’ombra dello storico Monte Etna. Ogni domenica di ottobre, il festival “ottobrata zafferanese” celebra i prodotti della stagione. Le stradine del paese si riempiono di gente del luogo, che offre con orgoglio degustazioni di uva, olive, funghi porcini dell’Etna, miele e, naturalmente, tanto vino.